Progetto di ricerca

CLAUDIA BURRELLO

Il ruolo del microbiota intestinale durante la progressione del cancro al colon retto

Il cancro al colon retto è la seconda causa di morte per cancro in Italia e la quarta nel mondo. Nell’ultimo decennio, molti studi hanno evidenziato il contributo fondamentale del sistema immunitario, fra cui i linfociti T, nella risposta anti-tumorale. Le cellule iNKT (invariant Natural Killer T) sono una sottopopolazione di linfociti T che riescono a riconoscere antigeni batterici. I nostri risultati preliminari dimostrano che queste cellule sono spesso presenti nei tumori dei pazienti di cancro al colon retto. Recentemente è stato dimostrato che la risposta immunitaria nei tumori intestinali è anche spesso influenzata dal microbiota intestinale. Nel nostro intestino infatti convivono centinaia di miliardi di batteri appartenenti a migliaia di specie diverse che interagiscono strettamente con le nostre cellule intestinali e immunitarie. La composizione del microbiota intestinale varia in pazienti con patologie intestinali e questo può risultare in un potenziamento o in uno spegnimento della risposta anti-tumorale.

L’obiettivo della mia ricerca è quello di caratterizzare la composizione del microbiota intestinale di pazienti di cancro al colon retto e di studiare come diversi batteri intestinali possano influire sull’attività delle cellule iNKT. In particolare, farò dei test in vitro che mi permetteranno di valutare come questa interazione possa attivare ed istruire le cellule iNKT per sconfiggere ed eliminare le cellule tumorali di cancro al colon-retto.

Claudia Burrello, ricercatore IEO

Un mattone per la Ricerca